ACCADEMIA OLISTICA Oligenesi – L'OLISTICA E L'OPERATORE OLISTICO

 

olistica1Quando si parla di Olismo la definizione che più di frequente ci troviamo a leggere è qualcosa che richiama la filosofia orientale e che sembra molto lontano dal nostro modo di pensare, basata sul concetto che il “tutto” debba essere in equilibrio e in armonia con ogni singola parte che lo compone. Quando si parla di Olistica tendiamo a pensare che questa sia legata a tecniche di riequilibrio energetico che vengono da culture molto lontane da noi e che per questo in occidente ancora non del tutto riconosciute o comprese. Forse in parte è così ma io credo che ci sia qualcosa di più rispetto a tutto questo, qualcosa su cui riflettere e che 19 anni fa mi ha spinto ad appassionarmi al mondo del massaggio, alla bioenergetica, alla psicosomatica, alla lettura del corpo e dei suoi segnali.
Partiamo dall’inizio e cioè dal concetto di “salute”: fino al 1946 per salute si intendeva semplicemente “assenza di malattia”.
Dopo quell’anno però qualcosa iniziò a mutare e piano piano la medicina e il pensiero di ognuno di noi iniziò, anche se molto lentamente, a percorrere una strada di cambiamento che tutt’oggi è in atto.
Nel 1978, in uno dei documenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità si legge che:“La Conferenza riafferma con forza che la salute, come stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo come assenza di malattia o infermità, è un diritto fondamentale dell’uomo e l’accesso ad un livello più alto di salute è un obiettivo sociale estremamente importante, d’interesse mondiale e presuppone la partecipazione di numerosi settori socio-economici oltre che di quelli sanitari”.

SALUTE COME STATO DI COMPLETO BENESSERE FISICO, MENTALE E SOCIALE
olistica2

Durante le mie lezioni, amo parlare, semplificando molto il concetto, di 3 steps fondamentali che ci portano al ben-essere:

  • Nel primo passo c’è la ricerca dell’equilibrio tra il nostro corpo e la nostra mente.
  • Superato il primo step possiamo andare oltre e iniziare a lavorare sull’equilibrio tra noi e l’ambiente che ci circonda; inteso come alimentazione, rapporti sociali, lavoro, luogo in cui viviamo
  • L’ultimo scalino lo saliamo cercando l’equilibrio con “il tutto”, con quel qualcosa che ci permette di farci sentire parte di un disegno, di un ingranaggio, di un progetto comune.

Ecco, questa è la ricerca dello stato di salute secondo il concetto olistico e d’ora in avanti noi la chiameremo “Equilibrio Psico-Fisico ed Energetico”.

Ma torniamo al primo step: equilibrio tra corpo e mente.
Il nostro corpo è la fotografia di tutto il nostro vissuto e continuamente ci lancia segnali che noi dovremmo essere in grado di decifrare; la psicosomatica ci insegna che il nostro corpo ci dice ciò che noi non abbiamo il coraggio di gridare: un disagio, uno stress, un trauma passato che ancora non abbiamo risolto. Il nostro corpo dà voce alle nostre emozioni.
Il mio professore all’università di psicologia diceva sempre “niente si può risolvere nella nostra mente se non lo abbiamo risolto anche nel corpo”.
Corpo e mente sono strettamente legati e se vogliamo lavorare sul benessere dobbiamo poter lavorare sia sul fisico che sulle emozioni. A mio avviso non esiste una tecnica olistica di per sé, ma esiste un approccio olistico, un OPERATORE OLISTICO, ossia un professionista che ha studiato e che ha le competenze per trattare un corpo con la responsabilità e la consapevolezza che quello su cui sta lavorando non è solo un corpo ma anche un’anima, un mezzo che trasporta ed è trasportato da energia.

barra-massaggi

E’ su questo concetto che si basa l’ACCADEMIA OLISTICA PROFESSIONALE OLIGENESI. Oligenesi ricerca il benessere e l’equilibrio energetico attraverso il corpo. Noi mettiamo sullo stesso piano gli aspetti fisici, emotivi, mentali e spirituali e lavoriamo non solo sul sintomo ma anche e soprattutto sulla causa del problema. Per questo l’operatore olistico non “cura”, ma lavora su un corpo sano che lancia segnali, li ascolta e si concentra sulla causa del problema che va cercata all’interno della persona, nella sua sfera emotiva, nella sua affettività.

Katia Amandolini
Direttrice Didattica Oligenesi